Salento burlone e la nascita della Salentoterapia: ci siete cascati?

Scritto da il 31 luglio 2013

Curiosando qua e là nel web alla ricerca di spunti e notizie interessanti per i miei articoli sul Salento, mi sono imbattuta in una notizia a dir poco incredibile, già condivisa e diffusa notevolmente nel mondo virtuale, riproposta dai miei stessi contatti: il Salento fa bene alla salute e gli scienziati parlano di Salentoterapia.

Ho subito pensato“wow! non posso non parlarne in Vizionario, ai lettori piacerà un sacco sapere che il Salento oltre ad essere bello ed accogliente, fa pure bene!”, incuriosita da un titolo tanto invitante mi sono affrettata a cliccare e andare oltre nella lettura per approfondire l’argomento.

scherzo-della-salentoterapia

Quando ad un tratto leggo che questo sensazionale studio è stato effettuato dagli scienziati dell’Università teulandese di Dorckenstein… fermi tutti…. Dorckenstein? Dal momento che in geografia non sono esattamente un asso, apro Google e faccio una rapida ricerca: Dorckenstein non esiste!

La burla della Salentoterapia

Ed ecco quindi svelato lo scherzo di un Salento burlone, che se ne inventa di tutti i colori per invogliare i turisti a conoscere questo magico lembo d’Italia. Ma cosa diceva l’articolo? Si parlava di questa nuova e rivoluzionaria scoperta, in base alla quale trascorrere qualche giorno in Salento apporterebbe numerosi effetti benefici sull’apparato circolatorio, digerente e respiratorio, regalando a corpo e mente degli straordinari effetti benefici.

salentoterapia-scherzo

Il fantomatico studio sarebbe stato condotto su circa 5.250 turisti, i quali avrebbero trascorso dai tre ai venti giorni nel territorio salentino, sia lungo la costa che nell’entroterra, rivelando al termine della vacanza (secondo una percentuale del 98,8%!) degli straordinari miglioramenti sullo stato complessivo di salute, fisico e mentale.

Ma come sarebbe possibile tutto ciò? Alcuni affermano che gli effetti benefici nascano dallo speciale mix di colori dati dal rosso della terra, il verde della campagna, il blu del mare e l’azzurro del cielo, capaci di fornire una sorta di cromoterapia. Altri affermano che si tratta della particolare miscela presente nell’aria ricca di iodio, e altri ancora sostengono che si tratti dei balli e delle antiche tradizioni presenti sul territorio ad infondere un immediato senso di benessere.

Il Manuale della Salentoterapia

Per completare questo scherzo, riuscito tra l’altro veramente bene, i suoi ideatori di Repubblica Salentina hanno infine divulgato la seconda parte di questo serissimo studio, proponendo un vero e proprio manuale per chi volesse dedicarsi alla Salentoterapia. Un vero e proprio calendario con dodici terapie benefiche.

vacanze-in-salento-salentoterapia

Tra queste abbiamo la massaggioterapia, da effettuare in una delle tante conche naturali disseminate lungo la costa, l’idroterapia nelle acque limpide e rigeneranti di Castro, la fototerapia a Gallipoli, la musicoterapia in una delle tante feste locali a suon di tamburello e pizzica, seguite da ciboterapia, rilassoterapia e tanto altro.

Uno scherzo ideato nel 2009 che la rete ha riportato a galla in questi giorni, riempendo di orgoglio molti salentini e traendo simpaticamente in inganno moltissimi lettori. C’è da dire però che nonostante si tratti di una burla, a primo impatto non è sembrato così assurdo che il Salento potesse far bene a corpo e mente: chi non si sentirebbe subito meglio dopo aver guardato il tramonto dal Santuario di Santa Maria di Leuca, dopo essersi rilassato su soffici spiagge dorate delle Maldive o dopo aver assaporato il gusto unico di un pasticciotto o una puccia profumata?

E voi, ci siete cascati? 🙂