I pomodori secchi sott’olio del Salento

Scritto da il 21 maggio 2012

La coltivazione del pomodoro e la sua essiccazione, è una delle attività più antiche e diffuse nel Salento. Da questa pratica nasce uno dei prodotti più gustosi di questa terra e durante la vostra vacanza salentina, non sarà difficile riuscire ad assaggiarlo.

Stiamo parlando dei pomodori secchi sott’olio. Un altro piatto povero e semplice, realizzato ogni anno dalle famiglie contadine e conservato in vista dell’inverno. Un contorno unico che vi verrà sicuramente proposto sulle famose frise locali o come condimento per la pasta, nelle varie trattorie locali. Una validissima alternativa per creare degli antipasti particolari e lasciare i vostri amici senza parole, meglio ancora se accompagnate il tutto con del buon vino.

Realizzare i pomodori secchi sott’olio, proprio come li fanno nel Salento, non è affatto difficile. Ma vediamo come fare.

 POMODORI SECCHI SOTT’OLIO – INGREDIENTI

- Pomodori dalla forma allungata, sodi e maturi

- Olio e aceto

- Aromi

- Olive o capperi

- Sale

PREPARAZIONE

Lavate i pomodori, asciugateli e tagliateli in due, nel senso della lunghezza. Sistemateli su una grata e lasciateli essiccare sotto il sole. Per velocizzare questo processo, cospargete i pomodori di sale e girateli di tanto in tanto. Di notte inoltre, sarebbe meglio coprirli con un telo oppure rientrarli direttamente.

Una volta completata l’essiccazione, fate bollire i pomodori in acqua e aceto, in quantità uguali, e fateli asciugare, dopo averli strizzati, per 24 ore su un panno umido.

Ora è possibile sistemarli nei vasetti di vetro. Cercate di posizionare i più lunghi verticalmente e i più corti in senso orizzontale.

Schiacciateli bene con una forchetta, cercando di far uscire tutta l’aria presente e riempite il vasetto di olio fino all’orlo.

In base ai vostri gusti potrete rendere il sapore dei pomodori ancora più particolare, aggiungendo i capperi, le olive, oppure degli aromi a vostro piacimento, come il peperoncino ad esempio.

LE MELANZANE SOTT’OLIO COME LE FANNO NEL SALENTO

melanzane sott'olio

Un’altra gustosa ricetta tutta salentina: le melanzane sott’olio. Piatto semplice, ma dal sapore unico. Visualizza il post.

I pomodori devono essere completamente ricoperti d’olio e l’ideale sarebbe lasciare il vasetto aperto per un giorno, in modo da aggiungere, se dovesse servire, dell’altro olio il giorno successivo. Chiudete i barattoli e collocateli in un punto fresco della casa. Potrete gustarli dopo un mese, e non prima.

Commenti

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>